I grandi temi del mondo della musica a confronto al CHIGIMOLA Musica 2019

In aggiunta al susseguirsi di masterclass e concerti, il progetto CHIGIMOLA Musica 2019, realizzato dall’Accademia Internazionale “Incontri con il Maestro”di Imola e dall’Accademia Musicale Chigiana di Siena, ha aperto tavoli di lavoro per discutere su temi di rilievo nel mondo della didattica musicale.

Il 10 e il 12 dicembre, rispettivamente nelle sedi di Siena e di Imola, si sono tenuti due speciali spazi di riflessione su tematiche che riguardano la vita musicale. In particolare, la riflessione è stata posta su due aspetti cruciali del mondo della formazione musicale: la didattica da una parte e la congiunzione di questa con il mercato del lavoro nell’ambito della produzione e dello spettacolo dall’altra. Le voci di personalità rilevanti che provengono dal mondo della formazione e della performance musicale, dall’ambito della direzione artistica e amministrativa, dall’area della conservazione e salvaguardia del patrimonio musicale, hanno trovato un luogo proficuo di confronto per fornire spunti, stimoli e saperi, che in prima battuta andranno ad alimentare il continuo sviluppo progettuale delle due Accademie.

Obiettivo dei convegni è quello di raggiungere anche un pubblico più ampio dei soggetti interessati, al fine di gettare le basi di modelli da implementare e sperimentare nel quotidiano lavoro musicale.

I dibattiti sono stati organizzati in collaborazione con AIFORART – Associazione Italiana Formazione delle Arti che ha sede a Roma presso AGIS – nata nel 2018 per riunire le eccellenze italiane operanti nel settore della formazione della Musica, della Danza e del Teatro, e che per statuto si occupa delle due tematiche rappresentate nei dibattiti del CHIGIMOLA. La Presidenza di Aiforart è affidata, per il primo triennio di attività, a Monica Gattini Bernabò, Direttore Generale delle Scuole Civiche di Milano, affiancata alla Vice Presidenza da Angela Maria Gidaro per il settore Musica e da Amalia Salzano per il settore Danza.

Il 12 dicembre alle ore 10.00 a Imola nella sede dell’Accademia nella Rocca Sforzesca, è andato in scena il dibattito che ha visto raccolti intorno a un tavolo concertisti, didatti e direttori di Conservatorio, per discutere sullo stato dell’arte della formazione musicale in Italia. Dalla riflessione sulla nozione di “Scuola Interpretativa”, si passerà a vagliare l’evoluzione della “good practice” didattica, fino a dedicare una particolare attenzione alla relazione di matrice psico-dinamica tra docenti e allievi.
Il convegno, introdotto dalla Sovrintendente dell’Accademia di Imola e Vice Presidente di Aiforart Angela Maria Gidaro e condotto da Marco Zuccarini Direttore d’Orchestra, Docente di Musica da Camera e Direttore del Conservatorio “G. Verdi” di Torino, è stata occasione di confronto grazie alla partecipazione di Stefano Fiuzzi Concertista e Docente di pianoforte e fortepiano presso l’Accademia di Imola, di Cristina Frosini Direttore del Conservatorio “G. Verdi” di Milano, di Andrea Melis Direttore della Civica Scuola Claudio Abbado di Milano, di Antonello Farulli Concertista e Docente di viola presso l’Accademia di Imola, la Scuola di Musica di Fiesole e il Conservatorio G. B. Martini di Bologna, di Piero Rattalino Storico dell’interpretazione pianistica, docente presso l’Accademia di Imola e di docenti e studenti dell’Accademia di Imola intervenuti per l’occasione

Il dibattito imolese è stato preceduto dall’appuntamento senese che si è tenuto il 10 dicembre alle ore 10.00 a Palazzo Chigi Saracini di Siena, e che è stato dedicato al rapporto fra produzione, promozione e circuitazione, a partire dalla nuova centralità acquisita dalla musica nel tessuto della produzione artistica generale. I rapporti fra il management musicale e la gestione degli Enti di produzione e circuitazione della musica sano stati uno degli argomenti del dibattito, che si è allargato ai possibili metodi di monitoraggio delle carriere dei giovani musicisti e le ricadute in termini di ampliamento delle occasioni professionali e del mercato del lavoro per chi beneficia dei più avanzati programmi formativi.
Dopo i saluti del Sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali Anna Laura Orrico, il dibattito, introdotto dal presidente dell’Accademia Chigiana Carlo Rossi e condotto dal Presidente dell’Accademia di Imola Corrado Passera, ha raccolto gli interventi di Francescantonio Pollice Vice-Presidente CIDIM, di Giovanni Puddu Concertista e Vice-Presidente FEM (Forum Européen de la Musique), del Direttore Artistico dell’Accademia Musicale Chigiana Nicola Sani,  di Stefano Campagnolo Direttore Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia e di Giovanni Gianluca Floris Artista Lirico-Presidente della Conferenza Nazionale dei Presidenti dei Conservatori di Musica.

Guarda la Gallery